Il pil tendenziale vede la crescita allo 0,1% che sale alle 0,2% nel programmatico sostenuta dai decreti Crescita e Sblocca Cantieri. Il rapporto deficit/Pil per il 2019 viene fissato al 2,4%, rispetto al 2,04% concordato con la Ue

Le cifre del Def alla fine hanno tenuto conto delle previsioni al ribasso di organizzazioni internazionali, istituzioni e agenzie di rating. Il Documento di economia e finanza licenziato dal consiglio dei ministri, ora indica allo 0,1% la crescita tendenziale, (+1% la precedente stima) e 0,2% quella programmatica (grazie all’effetto di stimolo dei decreti Crescita e Sbloccantieri). Un dato quello dell’espansione del Pil, che resterà inchiodata allo zerovirgola per tutto l’orizzonte del Def, con il quadro programmatico che indica un +0,8% per ognuno degli anni dal 2020 al 2022.

Approfondisci: Milano Finanza