Milano-Cortina 2026, un miracolo italiano

I fattori del successo sono molteplici ma l’istantanea di gioia selvaggia che fotografa il momento dell’annuncio li raccoglie tutti in una parola d’ordine che la politica spesso ignora ma gli sportivi conoscono bene: uniti si vince. In campo a Losanna è scesa una squadra che più trasversale non si poteva. Al limite dell’improbabile, d’accordo, ma ognuno aveva un compito preciso. E lo ha svolto al meglio. Dal presidente Mattarella al premier Conte, il sindaco metropolitan-dem Sala e quello di montagna Ghedina spalla a spalla con i governatori leghisti Zaia e Fontana, gli amministratori locali, i campioni vecchi e giovani, il carismatico Pancalli, molti presidenti federali magari non famosi ma influenti.

Approfondisci: Gazzetta dello Sport