Oltre 43 mila le denunce. 171 i morti

Aumenta il numero dei contagi per Covid-19 sul luogo di lavoro denunciati all’Inail. A quasi due settimane dall’inizio della Fase 2 le denunce di infortunio sono salite a quota 43 mila, per la precisione 43.399, 6 mila in più rispetto al dato rilevato lo scorso 4 maggio. A dirlo è il terzo report elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Istituto che rivela anche come i morti siano 171. Anche qui il dato è in aumento perché si parla di 42 decessi in più rispetto al monitoraggio precedente, la metà dei quali riguarda il personale sanitario e socio-assistenziale.

L’età media dei lavoratori che hanno contratto il virus è di 47 anni per entrambi i sessi ma sale a 59 anni per i casi mortali. 9 decessi su 10, in particolare sono concentrati nelle fasce di età 50-64 anni (70,8%) e over 64 anni (19,3%). Il 71,7% dei lavoratori contagiati sono donne e il 28,3% uomini ma il rapporto tra i generi si inverte nei casi mortali. I decessi degli uomini, infatti, sono pari all’82,5% del totale.

di: Maria Lucia PANUCCI

LEGGI ANCHE: Inail, scatta la responsabilità penale o civile del datore per i contagi sul lavoro