Il passo indietro dopo i rinvii chiesti dal gruppo francese sotto il pressing del governo di Parigi: “Non ci sono le condizioni politiche”. Pesante contraccolpo a Wall Street

Divorzio ancora prima delle nozze tra Fca e Renault. Quando l’accordo sembrava a un passo arriva la retromarcia di Fiat Crysler: la casa automobilistica presieduta da Elkann ha infatti ritirato “con effetto immediato” la proposta di fusione da 33 miliardi di euro. La decisione arriva dopo l’ennesimo rinvio chiesto dai dirigenti del gruppo francese sotto pressing da parte del governo di Parigi, principale azionista di Renault, che chiedeva di “posticipare il voto a un altro cda”.

Approfondisci: Quotidiano.net