Il testo approvato con 312 voti contro 308. La premier May presenta una mozione per far slittare la scadenza del 29 marzo

House of Caos. La Brexit √® diventata un massacro politico e il Parlamento britannico √® il tragico palco di un Paese allo sbando, che oramai non ha pi√Ļ alcuna certezza. Lo abbiamo visto anche oggi sui banchi della Camera dei Comuni, organismo sempre pi√Ļ centrale visto che Theresa May √® una “dead woman walking”. Approfittando della debolezza politica della premier britannica, oggi il Parlamento ha votato a sorpresa (312 a 308) un emendamento che chiede al governo di escludere in ogni circostanza e in qualsiasi momento lo spauracchio del No Deal, cio√® l’uscita senza accordo – e potenzialmente catastrofica – di Londra dall’Unione europea. Un segnale fortissimo, ma non vincolante: il “No Deal” rimane tecnicamente automatico il 29 marzo qualora non ci fosse un accordo o un’estensione della scadenza approvata dall’Ue, ha fatto notare la sempre pi√Ļ gracile e rauca May.

Approfondisci: La Repubblica