Kim Jong-un: «Oggi inizia una nuova storia»

(IlSole24Ore) Tutto era stato preparato nei minimi particolari nel villaggio di frontiera di Panmunjom, all’interno della zona smilitarizzata ma non è mancata – in un evento di portata storica – una improvvisazione a sorpresa: il leader nordcoreano Kim Jong-un ha varcato a piedi la linea militare di confine tra Nord e Sud, ma ha subito invitato il presidente sudcoreano Moon Jae-in a passare brevemente al Nord.

Un segnale positivo per l’avvio un’ora dopo alle 10.30 del mattino ora locale, del terzo vertice intercoreano (dopo quelli del 2000 e del 2007): il primo che non si svolge a Pyongyang ma appena dentro il territorio del sud, alla cosiddetta Peace House di Panmunjom, rinnovata per l’occasione.
I due leader hanno iniziato colloqui che, si spera, possano portare non solo a un allentamento delle tensioni che fino a qualche mese fa facevano temere una guerra, ma a porre le basi per arrivare a un trattato di pace che sostituisca l’armistizio in vigore dal 1952.
«Oggi inizia una nuova storia», ha dichiarato Kim Jong-un, filmato e fotografato in diretta con Moon (cosa non del tutto scontata: il suo recente viaggio a Pechino, ad esempio, era stato divulgato solo a posteriori). Moon ha lodato la “coraggiosa e audace decisione” di sedersi al tavolo delle trattative, includendo evidentemente nell’apprezzamento anche l’invito che il leader nordcoreano ha rivolto al presidente americano Donald Trump per un summit a due (Trump ha accolto l’invito: il meeting dovrebbe tenersi verso gli inizi di giugno, preceduto da una spedizione a Washington di Moon per informare il presidente sull’esito dei colloqui di oggi). «Negli ultimi sette decenni non siamo stati in grado di comunicare: credo che ci prenderemo tutto il giorno», ha detto Moon, strappando una risata a Kim, che è arrivato con una delegazione di cui fa parte la sorella Kim Yo Jong (ma non la moglie Ri Sol Ju). Nella cerimonia di benvenuto, c’era persino una banda militare in costumi tradizionali che ha suonato “Arirang”, melodia popolare molto nota sia al Nord sia al Sud.
A mezzogiorno una lunga pausa per il pranzo: Kim è tornato al Nord in una limousine scortata a piedi da una dozzina di addetti alla sicurezza. In comune ci sarĂ  la cena, anch’essa preparata nei minimi dettagli. Compreso un dessert al mango con i contorni della penisola coreana che ha suscitato proteste da parte del Giappone, in quanto include un puntino a indicare l’isoletta di Dokdo (che Tokyo chiama Takeshima e rivendica come suo territorio). La protesta diplomatica giapponese è stata ignorata ma magari i due leader vi accenneranno al dessert per sorriderci sopra trovando un ulteriore terreno comune: niente di meglio che qualche battuta antigiapponese per sentirsi dalla stessa parte…
L’attesa è di un comunicato congiunto in cui venga ammesso l’obiettivo comune di arrivare a una denuclearizzazione della penisola e a una sua normalizzazione attraverso il superamento del regime di armistizio.
Un comunicato della Casa Bianca ha espresso l’augurio dell’Amministrazione Trump perchĂ© i colloqui di oggi «conseguano progressi verso un futuro di pace e prosperitĂ  per l’intera penisola coreana». Molti analisti sottolineano che per questo obiettivo le difficoltĂ  restano enormi. Ma oggi è un bel giorno per parlare di pace.