“Ritorno alle origini”

Sulle alture di Genova Voltri, sul piazzale del Santuario di Ns Signora dell’Acquasanta,¬† si trova il ristorante Dria, negli anni diventato un’istituzione, con le sue pareti in perlinato, gli articoli di giornale datati e l’antico forno, dove cuoce un’ottima focaccia al formaggio.
Il locale √® accogliente, come del resto il personale: degno di nota Andrea Parodi, “Dria” in genovese, capostipite della famiglia, che nel 1970 d√† vita all’osteria. Quasi 50 anni di storia condivisi con la sua famiglia fino al 2014, quando viene a mancare.
A portare avanti la tradizione sono il figlio Francesco (detto Checco), il fratello e la mamma, una signora d’altri tempi, sempre garbata e sorridente.
Un ritorno alle origini per gli amanti della buona cucina casalinga, fatta di ravioli con u tuccu (rag√Ļ di carne), mandilli al pesto (pasta fresca ligure), zuppa di legumi cotta all’interno di una pagnotta fragrante, bella da vedersi e buona da gustare. E ancora brasati, arrosti, carpaccio di chianina, il tutto accompagnato da ottimi vini.
La storica osteria soddisfa anche i palati pi√Ļ raffinati e resta sempre una scelta ottimale per chi vuole godersi una domenica nel verde, magari dopo un’escursione sui monti circostanti, Punta Martin e Penello, o per chi semplicemente si trova di passaggio, certo del fatto che non perder√† occasione di tornarci una seconda volta.

 

Alessia Gerbi – Redazione Business24