Chiuso l’accordo sulla spartizione dei ministeri pi√Ļ importanti del governo M5s-Lega.

(La Repubblica)¬†Un premier ‘tecnico’ con due vicepremier che sono i leader dei partiti che sostengono il governo; diciotto ministri, di cui 5 donne. √ą nato dopo quasi tre mesi il¬†governo M5s-Lega¬†guidato dal professor¬†Giuseppe Conte, che¬†ha accettato stavolta senza riserve¬†dopo la rinuncia di Carlo Cottarelli e giurer√† alle 16 di venerd√¨ 1¬į giugno 2018.

Vicepresidente del Consiglio e ministro dello Sviluppo economico, Lavoro e politiche sociali:¬†Luigi Di Maio. Vicepresidente del Consiglio e ministro dell’Interno:¬†Matteo Salvini. Sottosegretario alla presidenza del Consiglio:¬†Giancarlo Giorgetti.

In tutto i ministri sono 18: nove quelli dei Cinquestelle, sei delle Lega, tre i tecnici. Cinque le donne. Ecco i ministeri chiave.

‚ÄĘ GIOVANNI TRIA, ECONOMIA: SI ALLA FLAT TAX, NO AL REDDITO CITTADINANZA
Giovanni Tria, presidente della Scuola nazionale dell’amministrazione e professore ordinario di economia politica all’universit√† di Tor Vergata. Favorevole alla flat tax, ma non ostile al reddito di cittadinanza, se “correttamente inteso”. Giovanni Tria, 69 anni, laurea in giurisprudenza, presidente della scuola di amministrazione e docente di politica economica alla facolt√† di economia di Tor Vergata, √® un economista collaboratore di Renato Brunetta del quale √® stato consulente all’epoca in cui Brunetta era ministro della pubblica amministrazione. √ą stato anche alla scuola di formazione politica dell’allora Pdl. Di recente – su Formiche – ha analizzato criticamente il contratto di programma tra M5s e Lega. Sul reddito di cittadinanza ha sospeso il giudizio “in attesa di sapere cosa sar√†” e quali saranno “quindi, le risorse richieste e l’ampiezza del pubblico dei beneficiari.

‚ÄĘ PAOLO SAVONA, AFFARI EUROPEI: L’ECONOMISTA DEL NO EURO
Paolo Savona cominciò in Bankitalia con Guido Carli, ma la sua cifra in quegli anni fu quella del tecnico di area repubblicana, come si diceva una volta. Uno dei suoi primi incarichi fu quello di consigliere economico di Ugo La Malfa, nel governo Rumor IV, circa mezzo secolo fa, era 1974-1975, poi un cursus che lo portò a conquistare le maggiori posizioni nel Paese, favorito anche dalla rendita di posizione del suo partito.

Nel 1976 approda alla direzione generale della Confindustria, quindi una lunga carriera di incarichi tra pubblico e privato: presidente del Credito Industriale, del Fondo interbancario di tutela dei depositi, della Gestifondi, delle società Impregilo, di Gemina, Aeroporti di Roma e del Consorzio Venezia Nuova.

‚ÄĘ ENZO MOAVERO MILANESI, ESTERI: SPECIALIZZATO IN ANTITRUST
Avvocato, esperto di diritto, e politico. Enzo Moavero Milanesi √® stato ministro senza portafoglio agli Affari europei nel governo di Mario Monti dal 16 novembre 2011 al 28 aprile 2013. √ą stato ancora ministro nel’esecutivo di Enrico Letta dal 28 aprile 2013 al 22 febbraio 2014. Ha ricoperto l’incarico di giudice presso la Corte europea di Giustizia di Lussemburgo. La sua specializzazione √® l’antitrust: √® stato fino al 2006 direttore generale del Bureau of European Policy Advisors della Commissione europea.

Poi ha svolto l’incarico di vicesegretario generale dell’esecutivo Ue dal 2002 al 2005, prima era stato direttore del Servizio antitrust (2000-2001) e capo di gabinetto dell’allora commissario Ue alla Concorrenza Mario Monti (1999-2000). Nel suo trascorso politico, tra il ’92 e il ’94 fu consigliere dei governi Amato e Ciampi. √ą docente di Diritto dell’Unione Europea alla Luiss di Roma. Il 30 marzo 2013, in seguito alle infruttuose consultazioni per la formazione di un governo, √® stato chiamato da Giorgio Napolitano a far parte del gruppo ristretto incaricato di avanzare proposte programmatiche in materia economico-sociale ed europea.

‚ÄĘ ALFONSO BONAFEDE, GIUSTIZIA: Il “MR WOLF” DEL M5S
Spesso in contrasto con le politiche della Giustizia del suo predecessore (Andrea Orlando, Pd), siciliano di Mazara del Vallo ma fiorentino d’adozione, classe 1976,¬†Alfonso Bonafede¬†√® senza dubbio una delle persone pi√Ļ vicine a Luigi Di Maio. Deputato del M5S al secondo mandato, avvocato con studio legale nel capoluogo toscano, √®¬†unanimemente considerato il Mr Wolf del Movimento. Tra gli incarichi svolti – si legge nel curriculum – ha fatto anche il “conciliatore tra imprese e clienti finali dei servizi elettrico e gas”.

Domani – venerd√¨ primo giugno, alle 16 – il giuramento. Subito dopo il ricevimento per la festa della Repubblica. Il voto di fiducia la prossima settimana. “Si √® concluso un itinerario complesso”, dice alle dieci di sera Sergio Mattarella, stanco ma finalmente pi√Ļ rilassato.