Il nord Italia sta assistendo ad investimenti sostanziosi nel settore retail

Il declino dell’American Dream in termini dello stile di vita USA nei Malls ormai confermato, a differenza che in Italia dove si vive maggiormente il senso del negozio sotto casa o di quartiere o quelli dei grandi brands di Moda tutti disposti negli stessi quartiere e l’uno a fianco dell’altro per accrescere la concorrenza, la crescita di Shopping Centres a coprire l’intero diametro interurbano si sta avverando ad un ritmo interessante. Investitori stranieri stanno ponendo molto interesse nell’investire sull’Italia, ove i rendimenti superiori alla media europea che vanno dal 5,5 al 4% per gli immobili più quotati e meglio posizionati, sottolineato da Marco Pellizzari, Managing Director della Soane Serra, società Anglo- Portoghese che si o occuperà dell’asset&property management del Centro District City Life. Il nord Italia sta assistendo ad investimenti sostanziosi nel settore retail, a Milano in primis dove sono sorti 6 Shopping Centres, raggiungendo una quota di 423 Mln di Euro. Fanno seguito Roma, con due transazioni, conseguentemente Bologna, Bolzano e Padova, Novara e Treviso. La fase di sviluppo lo si è notato dal 2016, dopo un lustro in continua perdita i prezzi medi di vendita del settore commerciale nazionali sono cresciuti dell’1,4%. Lo sviluppo più sostanzioso si è registrato nel GDO per l’1,7% e più modesta invece per la piccola distribuzione all’1,1%. La DMO nel nord ha registrato un aumento del 2,3%, mentre nel centro e sud del Paese la crescita è più moderata dell’1,8% e 1%. Il mercato immobiliare italiano si presenta attraente per quanto concerne il settore retail perché in grado di creare spazi inclini ad offrire esperienze e di aggiudicarsi ampi spazi di utenze, altrettanto a livello di residenti quanto di turisti, concreti o virtuali, proporzionati al livello di spazi offerti.

Daniel Mateo Montalcini (contributor)